Al via la nuova rubrica dedicata ai PROJECT WORK realizzati dai nostri studenti nel corso delle ultime settimane.
I primi progetti che vogliamo presentarvi, sono quelli realizzati dalla classe

2^A – DESIGN DELLA COMUNICAZIONE

 

———————————————————–
WEEK 1 – PROGETTO ASSEGNATO: INNOVAZIONE TECNOLOGICA

La prima settimana di Project Work è partita lanciando una sfida molto chiara e attuale ai nostri alunni: “proviamo a immaginare il mondo che verrà”. Da questo spunto sono nati 5 gruppi di lavoro che hanno ideato altrettante applicazioni, start-up, progetti, da proporre al mercato. Una sfida complessa, che voleva portare i ragazzi ad aumentare la loro consapevolezza riguardo la tecnica, la pratica e le idee che ci muovono continuamente.

Scopo: Il progetto sensibilizza lo studente a guardarsi intorno per capire i bisogni della società. La ragione del progetto parte dall’osservazione molto acuta che deve fare lo studente per poi andare a sviluppare una propria idea.

Progetto realizzato dagli studenti: Pievani, Fratus, Rodriguez, Zanini, Serughetti, Maestri

Drohealt: Questo gruppo ha realizzato una start-up che si occupa di consegna a domicilio di medicinali e materiale medico attraverso l’utilizzo di droni. Il concetto che ha mosso i ragazzi è stato quello di proporre una soluzione e una nuova idea per tutelare al meglio la popolazione e il personale medico. Tra tutti i possibili settori, hanno deciso di dare anche loro un contributo alla ricerca che oggi sta impegnando tutto il mondo per un futuro più sicuro per tutti.

———————————————————–

WEEK  2 – PROGETTO ASSEGNATO: GHOST KITCHEN

La seconda settimana la sfida lanciata ai ragazzi di 2° grafico A riguardava l’ideazione delle grafiche di un Ghost Restaurant, ovvero di un ristorante specializzato nella consegna a domicilio. Per rendere le cose ancora più interessanti, ad ogni gruppo è stato assegnato una nazione. Grafiche, menù, font e colori dovevano rispecchiare lo spirito del paese preso in carico. Per noi questo progetto è stato il tentativo di unire una ricerca storico geografica alla realizzazione grafica di una proposta professionale.

Scopo: Il progetto sensibilizza lo studente a guardarsi intorno per capire i bisogni della società. La ragione del progetto parte dall’osservazione molto acuta che deve fare lo studente per poi andare a sviluppare una propria idea. Di fronte all’emergenza sanitaria in cui siamo, covid-19, lo studente deve trovare il modo di andare oltre gli ostacoli cercando nuove soluzioni. Il tema aggiunto delle “Nazioni” aiuta il ragazzo ad avere nuove conoscenze sull’arte culinaria di altri paesi, ampliando così la propria cultura.

Progetto realizzato dagli studenti: Cuppini, Bianchetti, Lombardi, Bosco, Mei Tomasi

A questo gruppo è stato chiesto di realizzare un Ghost restaurant a tema Giappone. Dopo diversi tentativi i ragazzi hanno deciso di chiamare la loro azienda “Japan Wave”, specializzata in consegna a domicilio di Sushi e specialità nipponiche. Il gruppo ha realizzato il logo, le grafiche per l’applicazione, i profili social dell’azienda, e una campagna pubblicitaria per far conoscere in tutto il mondo la loro idea.

 

———————————————————–

WEEK 3 – PROGETTO ASSEGNATO: BRAND IDENTITY

È stato chiesto agli studenti di ideare e lanciare un marchio di abbigliamento, a partire dal brief iniziale fino ad arrivare al lancio del brand con la creazione di un evento. A ciascun team è stato assegnato uno stile di moda. Necessaria una ricerca approfondita per interpretare al meglio il concept della linea.

Scopo: Il progetto aiuta lo studente a capire quali sono i primi passi da fare per la creazione di un brand; dal logo al marketing. Inoltre, dovendo creare un evento di lancio, lo studente sarà messo a dura prova sulle competenze fino ad ora acquisite. È fondamentale in questo progetto fare “team” e gestire bene la suddivisione dei ruoli.

Progetto realizzato dagli studenti: Labzin, Marella, Montalto, Testa, Aceti, Roggeri

ANTIC-TIME: Per questi ragazzi la sfida è stata quella di creare un brand che Vintage. Questo ha voluto dire fare un salto nel passato, analizzare i corsi e ricorsi della moda, costruire un progetto che tenesse conto di tutte le sfumature di un periodo così complesso come quello Vintage. Alla fine i nostri alunni sono riusciti a trovare il bando della matassa e hanno prodotto un Brand, un evento, le grafiche e i vestiti di una nuova marca vintage destinata a fa successo!

———————————————————–

WEEK 4/5 – PROGETTO ASSEGNATO: GAME DESIGN

È stato chiesto agli studenti di ideare un vero e proprio videogioco. La prima settimana svilupperanno la struttura di base e il contesto narrativo del gioco mentre la seconda si occuperanno dell’aspetto grafico. Sarà necessario fare una ricerca approfondita per interpretare al meglio il tema che si vuole creare ed interpretare.

Scopo:Il progetto aiuta lo studente a capire quali sono i primi passi da fare per la creazione di un videogioco, dove non esiste solo l’aspetto grafico ma anche una struttura di base. La prima settimana si concentreranno sul concept, il marketing research, il game dynamic e i character design. È fondamentale in questo progetto fare “team” e gestire bene la suddivisione dei ruoli.

Progetto realizzato dagli studenti: Bonomi, Carni, Urgnani, Di. Lernia, Oberti

Il videogioco ideato dal gruppo da questo gruppo è un salto nel passato. Time-Machine immagina un gioco nel quale il protagonista possa modificare le scelte del passato per dare un nuovo corso alla storia. Un progetto che ha permesso ai ragazzi di programmare le interfacce del videogioco, montare i video trailer, preparare le grafiche del gioco, dei menù e del logo. Un progetto che ha unito ricerca grafica a approfondimento storico.

popups trasparenza istituto politecnico popup